,

ITALY 2016 BIKE BUILD OFF – MILANO WINNERS

1st place: Eugenio Vezzetti

Open Division

1 – Eugenio Vezzetti – OraColo

Dnepr mt11 750cc 1986
“Oracolo” (oracle in english) is a dnepr mt11 750cc from 1986. On the original frame we find a Guzzi Ercole Fork, an hanmade brass fuel tank, and a seat that was originally an engine support from an honda xl 125. the rear beams is integrated in the back wheel hub. Original as its builder is the name of the bike : Oracolo – oracle- as the bike is intended like a profecy, something ahead of its times, but also, with a wordplay, a feeling of liberation and satisfaction : “ora colo” in italian means “ Now i’m dripping”

2 – Morten Kløvfjell – GRÅBEIN

The base is a 1944 BSA M20.
The bike name is “GRÅBEIN” directly translated from norwegian to english “Grey Legs”, an old norwegian slang word for “wolf” which, in Norway, is considered a taboo word to mention (you call for the wolf if you use it).
Frame and fork are from a 1944 M20, the engine from a 1950`s B33 500cc, the gearbox is the original M20 with Triumph clutch, 23″ front wheel from an Honda XL 250 with Mitas speedway tire, 18” rear wheel from a Yamaha YZ 250 with Heidenau K60. The gas tank comes from 1975 Yamaha DT 250 customized to fit over the engine. All parts used are old parts customized or hand made.

3 – Attrezzi Veloci – Furia

Inspired by flat track and hot rod made in US, is the “Fury”. The name comes from thecourious shape of the fairing, which looks like an horse head, and is made with the bike’s original front fender.
The air box has been removed, and carburetors moved up front, the swingarm is a Ducati Performance. Frame and engine carter has been painted the wiring completely re-made and modified to fit. The handlebar is a flat tracker, gas tank is custom built as well as the vtr cover and rear fenders, and the low line exhaust system is a “road racing” .

Small Bore Division

1 – Mario Troiano – CIAO “Silhouette”

It has been the first motorcycle me and my brother had when we were 14, and probably this is why we felt as we had to express our particular thanks to it…
The vehicle is a 1982 Piaggio Ciao PX, with a reinforced and modified chassis.
Designed for drag races, the final shape is tapered, this is why it’s called Silhouette, lenghtened to avoid wheelies and lowered to have the best CX. Aluminium fairings, aluminium tail section very close to the rear wheel. Cork saddle to reduce the weight to the minimum and a custom-made vtr tank .
The lower part of the chassis is almost the same as the original (on purpose, in order to be easily recognisable).
The hardest job has been the modification of the fork, it took almost 40 hours to get this rounded shape!!!
Special slick tires for 1/2 mile races. The engine has the following modifications: engine 75cc electronic ignition, fuel intake 19, hand-made exhaust, lightened flywheel.
The anterior brake has been removed, there is only the rear brake which can be activated with the lever on the left of the handlebars, while the lever on the right manages the throttle. Working time needed: 2 weeks. The Ciao is back!!!”

People’s Choice Award

Elephant Garage

The base is a Gilera 98, from the early ‘60s.
The original engine is red painted, and the bobber style chassis is longer than original. Two pistons became the beams, the rear one from a Triumph, the front one not defined. A little fire estinguisher is the fuel tank, and the exhaust system is hand made. On the right side we find a big wrench as “suicide” gear selector and an original Gilera storage box . The exhaust system is hand made, derived from a car.

The particular thing about this bike is not how it has been customized but who made it and why it was showed at the Build Off.
Michele Cantù, the customizer of the motorbike, ended at the 4th pace at last year DBBO, with a Gilera 98 based bike called Gina, starting from that idea Michele was working on a second gilera custom by the name of “Gina 2”, in July 2016, Michele died in a terrible incident while the motorbike was already terminated. His parents and friends decided to present the bike, “Gina2” at the Bike Build Off, to honor his memory and his passion.

Original mention, in memory of Michele Cantù

Davide Lorusso – Ula

The bike is a 1991 XR 600, named “Ula”.
The customization consists in two PVC pipes for the gas tank, fake wood pvc hand made seat, hand made alu fender, the exhaust is made from a 2 stroke exhaust system, beam from a vintage Garelli. Two hand made bags are on both the sides.

Enthusiasm special mention

Ilias Iatrakis (13 years old) – Dax

The donor bike is a 50cc Dax Type, which has been fully customized. just a new (shorter) springs, new tires, a new exhaust have been bought.
We lowered the bike for a nicer look, the seat is also handcrafted from 2 skateboards and coated with leather. The steering system is crafted with a CNC workbench to lower the bike and give it a cafe racer style-steer, the paintjob (also handmade) is made of Alfa Romeo 4C red and Bentley gray metallic.
The gas tank is lowered 5 cm in the frame,and there are low profile tyres.
A postman bag from the 80’s is up on the front.

Online voting for the global people’s choice award opens this Friday the 30th of September at bikebuildoff.com, where you will be able to look through all the winners from Sydney, Milan, Tokyo, Bali and LA – make sure to get your vote in for your favourite.

Search #deusbbo2016 for posts from Bike Build Off contestants around the globe.

Photo: Marco Casino

See all photos here

—————

Open Division

1 – Eugenio Vezzetti – OraColo

Dnepr mt11 750cc 1986
Eugenio Vezzetti, ci presenta la sua “Oracolo” una Dnepr mt11 750cc del 1986. La ciclistica è originale, la forcella è di una Guzzi Ercole, il serbatoio fatto a mano in ottone, la sella è stata ricavata da una staffa motore di una Honda XL 125. Il faro integrato nel mozzo posteriore, realizzato dentro un cardano di una moto in demolizione. Originale il costruttore come il nome della sua creazione… ”oracolo” come profezia, come realizzazione che riesce a precorre i tempi, ma come tiene a sottolineare Eugenio “ora colo” sottolinea il senso di totale di liberazione e soddisfazione ottenuto.

2 – Morten Kløvfjell – GRÅBEIN

La base è una BSA M20 del 1944
Il nome “GRÅBEIN” in norvegese significa “gambe grigie”, ed è un antico soprannome dato ai lupi, visto che le leggende popolari dicevano che pronunciare la parola “lupi” fosse un chiamarli a sé. Le parti della moto sono: telaio e forcella della BSA M20, motore di una B33 500 cc del 1950, cambio originale con frizione Triumph, ruota anteriore di una XL 250 da 23” con gomma Mitas da speedway, posteriore da 18” con gomma Heidenau K60. Serbatoio Yamaha DT 250 del 1975 modificato per accoppiarsi al motore. Tutte le parti sono modificate o costruite.

3 – Attrezzi Veloci – Furia

Ispirandoci a modo nostro al mondo del flat track e delle auto hot road americane abbiamo dato vita a “Furia”.
Il nome della moto deriva dalla particolare forma che il cupolino (realizzato con il parafango anteriore della stessa) attribuisce alla moto, ricordando le forme della testa di un cavallo.
Modifiche: Eliminazione air-box e riposizionamento carburatori, montaggio forcellone in alluminio Ducati Performance, modifica e verniciatura telaio e carter motore, modifica integrale impianto elettrico, nuovo posizionamento chiave di accensione. Realizzazione di parafango posteriore e relativo support, manubrio flat track modello America, realizzazione cupolino anteriore con eliminazione parafango anteriore ed inserimento para steli forcelle tipo flat track, eliminazione radiatore olio
Creazione artigianale del serbatoio e relativa cover in vetroresina con sella integrata. Montaggio nuove pompe frizione e freno anteriore (Brembo serie oro modello Ducati 999). Terminale di scarico Road Racing sotto al motore.

Small Bore Division

1 – Mario Troiano – CIAO “Silhouette”

Probabilmente perchè è stata la nostra (mia e di mio fratello ) prima moto a 14 anni, e ci sentivamo in dovere di fargli un ringraziamento particolare.
Il mezzo è un Piaggio Ciao px del 1982, al quale abbiamo modificato e rinforzato il telaio, essendo progettato per gare d’accellerazione la forma finale è strettissima (da questo il nome Silhouette) allungata (per evitare impennamenti) e bassissima (per avere il migliore CX). Cupolino in alluminio, codino rasente la ruota post in alluminio. Sella in sughero per ridurre al minimo il peso, serbatoio in vtr modellato a misura.
La parte inferiore del telaio e rimasta quasi originale (volutamente per essere più facilmente riconoscibile).
Il lavoro che ci ha fatto sudare…. è stata la modifica della forcella, per darle questa forma arrotondata, abbiamo impiegato quasi 40 ore!
Gomme speciali, slick per competizione 1/2miglio.
Il motore ha le seguenti modifiche: 75cc. accensione elettronica, carburatore 19, scarico hand made, volano alleggerito.
Il freno anteriore è stato rimosso, c’è solo quello posteriore che si attiva con la leva sul manubrio a sinistra mentre con quella di destra si regola l’acceleratore.
Tempo di lavorazione 2 settimane.. Ciao is Back!

People’s Choice Award

Elephant Garage

La base di partenza di questa lowride è un Gilera 98 dei primi anni 60.
Il motore è rimasto pressoché invariato se non nella colorazione rosso fuoco. Appare invece subito all’occhio che la modifica sostanziale di questa moto è nel telaio che è stato allungato e irrigidito.
Nel dettaglio troviamo entrambi i fari creati all’interno di due pistoni, quello posteriore un pistone Triumph, quello anteriore di non ben definita derivazione. Il serbatoio è stato sostituito con un piccolo estintore che ha così lasciato sul lato destro del telaio lo spazio per alloggiare bobina e contachilometri.
Scarico artigianale, aperto e molto corto con due terminali aftermarket di derivazione automobilistica.
Sul lato destro troviamo una chiave inglese fare da cambio suicide, batteria a vista e bauletto porta oggetti originale Gilera.  A creare un minimo di riempimento nel sottosella sono stati messi due fianchetti riciclati da un sissybar di un Suzuki Intruder.

La cosa che rende particolare questo veicolo non è tanto il come è stata costruita, ma da chi e perché.
Nel 2015 Michele Cantù partecipa, sotto forte insistenza dei suoi amici, al Bike Build Off con una Gilera 98 soprannominata la “Gina” dedicata alla sua migliore amica e con suo grande stupore arriva quarto.
L’impegno e la fantasia non gli sono mai mancati, prova quindi a rimettersi in gioco con un altro Gilera: la “Gina2” e puntare al podio.
L’11 luglio però Michele ha un tragico incidente e la lascia per sempre nell’ Elephant Garage.
I genitori, i parenti e gli stessi amici che l’hanno incitato a partecipare all’edizione 2015, decidono di condividere la sua passione presentando la sua ultima creazione.

Original mention, in memory of Michele Cantù

Davide Lorusso – Ula

La moto in questione è una xr 600, anno 1991, si chiama “Ula”.
La trasformazione consiste nell’aggiunta di due serbatoi realizzati in pvc cilindrici, una sella realizzata a mano in pvc finto legno, un parafango in alluminio auto costruito, un terminale di scarico ricavato da un espansione due tempi, faro riciclato da un Garelli d’epoca più un faretto a dinamo supplementare. Infine due borse laterali realizzate a mano.

Enthusiasm special mention

Ilias Iatrakis (13 anni) – Dax

La base è una Dax Type 50 cc, completamente customizzata, comprando solo gomme, scarico, molle più corte. È stata abbassata, dotata di una sella costruita a mano partendo da due skateboard, il sistema piastre-manubrio è stato costruito su macchine a controllo numerico computerizzato per abbassare la moto e donarle un aspetto café racer. La colorazione, anch’essa fatta in casa, si basa sul rosso dell’Alfa Romeo 4C, sul grigio metallizzato Bentley. Il serbatoio è stato abbassato 5 cm sul telaio, le gomme sono ribassate.
Sul frontale è montata una borsa delle Poste dei primi anni ‘80.

Le votazioni online per decretare il vincitore mondiale si apriranno venerdì 30 settembre sul sito ufficiale bikebuildoff.com, sarà possibile scegliere attraverso i vincitori locali di Sydney, Milano, Tokyo, Bali e Los Angeles. Assicuratevi di dare il voto al vostro preferito!

Cercate anche attraverso #deusbbo2016 i post dei concorrenti Bike Build Off di tutto il mondo.

Photo: Marco Casino

See all photos here

Please login to leave a comment.