,

ITALY 2016 BIKE BUILD OFF – MILANO

img_9073

After a year of waiting, the big day came and the Bike Build Off 2016 painted via Thaon Di Revel in red.
A magnificent red carpet hundreds of meters long,  gave  welcome to about sixty beautiful “homemade” bikes and the Temple of Enthusiasm in Milan opened its doors to hundreds of makers, eagers and curious people.

The event convinced the autumn to stay away and let a warm spring sun to shine and the sun was just as surprised of what was happening “down there” on the red carpet.
“Low budget, high impact“ was the main theme that this Bike Build Off wanted to see in the bikes presented in this contest: so many jewels lined up to be admired and selected by a panel of selected judges, leaded by Roberto Ungaro, a Deus family member by adoption, no presentation needed.

An art gallery, with unique items and famous critics. Ela Von Dutch, manager, photographer and author of programs related to the world of custom. Umberto Borile known founder of the Italian motorcycles brand Borile. Ottavio Missoni, passionate and experienced as pilot, prepared on the road as on aesthetics. Ross Sharp, founder of Bike Shed, famous British Motorcycle Club. Paolo Sormani, biker and expert journalist.
The visiting audience could vote its favorite creation  at the booth of our friends Mocauto, always present and enthusiastic in sharing our events.

As in every contest in the end a winner is awarded, and also here on the podium stood the best projects but what we liked most was the show.
A show made by people of all ages, with different styles and different backgrounds… but all with hands dirty of the same passion.
And this  feeling of belonging to an authentic world  made people talk to eachother instead of competing hardly for the victory.

There were many smiles, a continuous sound of compliments and congratulations in the air, a lot of respect for the sweat and results. And this is the atmosphere that we breathed in Deus and so the Deus Family thanks all the participants and all who helped, a special thank to Eicma, Metzeler and the already mentioned Mocauto.

Photo: Marco Renieri / Francesco Ferrari

See all the photos here

———-

Dopo un anno d’attesa, il grande giorno è arrivato ed il Bike Build Off 2016 ha tinto di rosso via Thaon Di Revel.

Un magnifico red carpet lungo centinaia di metri ha accolto una sessantina di splendide moto “fatte in casa” ed il Tempio dell’Entusiasmo di Milano ha aperto le sue porte a centinaia di costruttori, appassionati, curiosi.

Un evento che è riuscito a sbaragliare l’autunno con aria di primavera, con un sole altrettanto sorpreso di quello che stava accadendo “li sotto”.

“Poca spesa tanta resa” questo era il concetto che questo Bike Build Off voleva vedere realizzato nelle moto della competizione: così tanti gioielli schierati l’uno dopo l’altro si sono fatti ammirare e giudicare da un gruppo di giudici scelti, capitanati da Roberto Ungaro, uno di famiglia che non ha bisogno di presentazioni.

Una galleria d’arte, con oggetti unici e critici famosi. Ela Von Dutch, manager, fotografa e autrice di programmi relativi al mondo del custom. Umberto Borile, noto fondatore del marchio italiano di motociclette Borile. Ottavio Missoni, appassionato competente e vero pilota, attento alla strada come all’estetica. Ross Sharp, fondatore del Bike Shed, importante Motorcycle Club inglese. Paolo Sormani, famoso giornalista del settore.

Il pubblico di visitatori ha potuto eleggere la sua creazione migliore votando presso lo stand dei nostri amici di Mocauto, sempre presenti ed entusiasti nel condividere i nostri eventi.

Come in tutti i concorsi alla fine si elegge un vincitore, ed anche qui sul podio ci sono saliti i migliori, ma quello che più ci è piaciuto è aver visto uno spettacolo.

Uno spettacolo fatto da uomini di tutte le età, con stili diversi e diverse provenienze… ma tutti con le mani sporche della stessa passione.

Ed è proprio questo senso di appartenenza ad un mondo autentico che invece di farli concorrere per la vittoria, li ha fatti discorrere per confrontarsi.

Ci sono stati tanti sorrisi, uno scambio continuo di apprezzamenti e congratulazioni, il rispetto per il lavoro sudato e realizzato. Ed è questo il clima che si respira in Deus e per questo la Deus Family ringrazia tutti i partecipanti e tutti coloro che hanno contribuito, in particolare Eicma, Metzeler e il già citato Mocauto.

Photo: Marco Renieri / Francesco Ferrari

See all the photos here

Please login to leave a comment.